Guida all'installazione di Debian 4.0r1 (Etch) NetInstall

Da Linux@P2P Forum Italia.

Ecco una semplice guida su come installare la distribuzione GNU/Linux Debian 4.0r1 (Etch) su un comune PC attraverso il cd netinstall. Premessa importante: l'installazione e' avvenuta in una macchina virtuale (VMware, per la precisione 5.5.1, e Virtualbox) sotto Microsoft Windows, ma i passi in un installazione reale sono gli stessi.

Indice

Avvio della macchina e impostazione del BIOS

Per prima cosa dobbiamo impostare il lettore CD/DVD come periferica che il BIOS dovra' avviare per prima, prima di ogni cosa, per fare cio' bisogna entrare nel BIOS (se non si sa cose è guardare la voce corrispondente). Quindi entriamo nel BIOS, per fare cio' appena accendiamo il pc dobbiamo premere un pulsante (varia da BIOS a BIOS) di solito o F2 o il tasto CANC, per sapere quale premere osserviamo le indicazioni all'avvio (di solito c'è scritto "PULSANTE for BIOS/setup"), ma se per caso non lo dovesse dire, bisogna andare a tentativi. Entrati nel bios, ci troveremo davanti una schermata del genere (varia da BIOS a BIOS).

Boot.jpg

Mi dirigo nella sezione boot (a volte c'è una sottosezione chiamata boot sequence) e imposto il lettore cd/dvd come primario.

Bios.jpg

Ora salviamo le impostazioni ed usciamo

Bios2.jpg

Ora inseriamo il CD di Debian e iniziamo!

Avvio del CD d'installazione

Ora ci troveremo davanti una schermata, dove ci viene chiesto di premere F1 per avere aiuto oppure di premere Invio per far partire l'installazione in modo testuale; in realtà l'installazione può essere fatta anche in modo grafico scrivendo installgui e premendo invio; noi comunque proseguiremo con l'installazione testuale per cui premiamo pure invio per continuare

Netinst1.png

Aspettiamo che venga terminato il controllo del nostro hardware e che parta la routine di installazione.

Netinst2.png

In sistemi con poca memoria Ram può accadere che la prima schermata dell'installazione non sia la precedente ma questa

Low mem.png

che ci avvisa che il nostro sistema ha poca memoria libera e che quindi l'installazione procederà in lingua inglese; ci consiglia inoltre di attivare lo swap il prima possibile. Diciamo che finchè abbiamo 64 MB di Ram non abbiamo nulla di cui preoccuparci poichè l'installazione andrà comunque a buon fine.

Installazione

Inizia adesso la fase dell'installazione vera e propria del nostro sistema operativo. Prima di iniziare però è doverosa una piccola precisazione: poiche non avremo il supporto del mouse dovremo usare la tastiera per muoverci tra i vari menu che ci verranno presentati. Come è anche scritto in basso di ogni schermata il tasto Tab ci consente di spostarci tra i vari elementi (quello attualmente attivo viene evidenziato in rosso), Spazio viene utilizzato per selezionare/deselezionare alcune opzioni (riconoscibili dalle parentesi quadre) mentre Invio conferma l'azione del pulsante selezionato. Selezioniamo quindi Italian con le frecce direzionali e premiamo invio

Netinst3.png

Confermiamo quindi Italia come nazione (o cambiate secondo la vostra nazione)

Netinst4.png

E selezioniamo la mappa tastiera da utilizzare: quasi sicuramente avrete una tastiera italiana per cui la scelta Italiana (it) andrà più che bene; nel caso non fosse così scegliete dalla lista quella che vi è necessaria.

Netinst5.png

Adesso partirà una fase di rilevamento dell'hardware da parte dell'installatore, la scansione del CD, il caricamento di alcuni componenti necessari per la prosecuzione dell'installazione, il rilevamento della rete e il tentativo di attivarla tramite DHCP: se quest'ultima fase dovesse fallire possiamo comunque proseguire inserendo manualmente i dati della nostra connessione o scegliendo di non configurare la rete in questo momento: non avremo subito disponibili i mirror in rete da cui ottenere i pacchetti aggiuntivi ma potremo comunque terminare l'installazione.

Adesso è il momento di scegliere un nome per il nostro sistema; potete anche lasciare quello che vi viene proposto (debian) ma vi suggerisco di cambiarlo

Netinst9.png

Se volete inserite il nome di dominio della vostra LAN altrimenti potete lasciare tranquillamente tutto in bianco.

Netinst10.png

Adesso partirà la fase più delicata di tutto il processo di installazione: il partizionamento.

Netinst11.png

Partizionamento

Questa è forse la fase più delicata, per chi è abituato con Partition Magic puo eseguire quasi tutti i passi con quest'ultimo, ma noi procediamo usando il tool integrato nell'installer (sufficientemente sicuro e intuitivo). Per avere un guida più completa vedere "Installazione su un PC con Windows preinstallato". Per una distribuzione versatile come debian è difficile dare consigli su come partizionare l'hard disk poichè il tipo di partizionamento dipende molto dallo scopo a cui si mira: se l'intenzione è di installare debian a fianco di un'installazione preesistente di windows dovremo procedere con il partizionamento manuale; se vogliamo installare un serverino per uso personale a cui dedicare tutto il nostro HD possiamo anche accontentarci del partizionamento guidato; i più esperti vorranno suddividere le varie directory di sistema e lo SWAP su tutti i dischi o creare mount point separati. Noi ci limiteremo a seguire il partizionamento guidato lasciando decidere all'installatore la configurazione migliore per il nostro sistema. Scegliamo quindi Guidato - usa l'intero disco e confermiamo.

ATTENZIONE: Con questa scelta verrà completamente formattato l'hard disk su cui decidiamo di installare Debian, occhio quindi a non sbagliare, pena l'irrimediabile cancellazione dei dati in esso contenuti.

N.B.: Se avete un sistema con poca memoria dovreste preferire il partizionamento manuale e settare una partizione di SWAP abbastanza estesa per sopperire alla mancanza della Ram.

Netinst12.png

Selezioniamo adesso il disco su cui installare il nostro sistema

Netinst13.png

Scegliamo il metodo di partizionamento preferito: il primo va più che bene per gli scopi di questa guida.

Netinst14.png

Adesso ci verrà mostrato un prospetto riassuntivo delle partizioni presenti sui nostri dischi; se ci soddisfa possiamo terminare il programma di partizionamento e proseguire

Netinst15.png

Prima di modificare definitivamente le partizioni ci viene chiesto ancora una volta di verificare attentamente ciò che stiamo facendo. N.B. Questa è l'ultima occasione per interrompere l'installazione senza che sul sistema ne rimanga traccia: fino ad ora l'installatore ha lavorato salvando tutte le nostre preferenze in Ram ma con questa operazione andremo a scrivere sul nostro Hard Disk.

Netinst16.png

Se siamo sicuri di ciò che abbiamo fatto scegliamo SI e proseguiamo.

Terminate le operazioni di partizionamento siamo arrivati al momento di inserire gli utenti. Allora poche regole e precise per eseguire in maniera corretta questa operazione:

La prima cosa che ci viene chiesta è la password di root: scegliamola con molta cura perchè è la password più importante di tutto il sistema e digitiamola con particolare attenzione poichè non saremo in grado di vedere cosa abbiamo digitato. Una volta inserita dovremo confermarla nella schermata successiva.

Adesso inseriamo i dati dell'utente: come prima cosa il vero nome, successivamente il nome utente (utilizzato per il login) ed infine la password, che anche in questo caso dovremo confermare nella schermata successiva.

Copia dei file del sistema

Ora inizia l'installazione vera e propria

Netinst23.png

Lasciamolo lavorare finchè non ci viene chiesto se vogliamo configurare un mirror in rete:

Netinst24.png

Anche in questo caso la scelta è abbastanza soggettiva e dipende molto da cosa volete fare: se state cercando di avere un sistema il più snello possibile è meglio non configurarlo adesso ma farlo una volta terminata l'installazione, se invece non è questo il vostro caso vi consiglio di configurarlo adesso: avrete così accesso a tutti i pacchetti e ad un certo numero di installazioni standard capaci di coprire tutti gli utilizzi tipici.

N.B.: La richiesta di configurazione del mirror in rete sarà disponibile solamente se l'installatore sarà riuscito ad attivare la vostra connessione internet nelle fasi iniziali: in caso contrario inizialmente si potrà fare affidamento solo su di un ristretto numero di pacchetti.

Scegliamo di configurare un mirror in rete e indichiamo quello italiano che più ci piace; quello proposto è il mirror ufficiale per l'Italia. Se avete necessità di specificare un proxy potete inserire i dati di connessione adesso ma la maggior parte delle volte è sufficiente lasciare tutto in bianco

Una volta scelto il mirror APT effettuerà una scansione dei pacchetti disponibili

Netinst28.png

e vi chiederà se volete partecipare ad un'indagine sull'uso dei pacchetti: fate come volete, vi basti sapere che verranno spedite informazioni unicamente sui pacchetti installati e che queste informazioni saranno utilizzate per decidere quali programmi inserire nel primo cd di installazione.

Netinst29.png

Adesso ci verrà chiesto se vogliamo sfruttare una delle collezioni di software predefinite: si tratta in poche parole di alcune selezioni di pacchetti che coprono vari casi tipici di installazione: si va dal minimo indispensabile (niente oppure Sistema Standard) all'installazione per i portatili (Sistema Standard+Ambiente Desktop+Sistema portatile) alle varie tipologie di server. Anche in questo caso la scelta di cosa installare e cosa no dipende da voi, per un uso desktop tradizionale sono necessari Ambiente Desktop+Sistema Standard

Netinst30.png

Come già accennato all'inizio le varie collezioni si selezionano/deselezionano con spazio. Una volta fatta la vostra scelta premete tab per evidenziare il pulsante <CONTINUARE> e premete invio. Adesso partirà l'ultima fase dell'installazione; verranno recuperati da internet i pacchetti necessari, verranno installati, ed infine verranno rimossi i file temporanei. Al termine dell'installazione vi verrà chiesto se vogliamo installare il Boot Loader GRUB nel Master Boot Record (o MBR); salvo esigenze particolari scegliamo di si

Netinst31.png

L'installazione è terminata! Togliamo il CD di installazione e riavviamo il computer (se volete impostate di nuovo il vecchio ordine di boot sequence nel BIOS)

Netinst32.png
Strumenti personali
Namespace
Varianti
Azioni
Navigazione
CollectionTricks
Siti amici
Strumenti